IVANO TROMBINO – VECCHIO MAGAZZINO DOGANALE

Per favore, prima una piccola descrizione di te, del tuo territorio e della tua azienda.

Mi chiamo Ivano Trombino sono un giovane imprenditore che opera nel settore da oltre 20 anni. Da circa sei anni ho intrapreso la strada della produzione delle mie Eredità di Famiglia, strada fatta da ricerche e studio delle botaniche del mio territorio, la Calabria. Da qui la volontà di riportare alla luce il Vecchio Magazzino Doganale, oggi azienda dove lavoro quotidianamente. Più semplicemente, mi piace definirmi Produttore di Liquori Rurali.

 

Ivano, raccontaci com’è nato tutto.

Tutto è nato da un’inaspettata eredità di famiglia scoperta circa 6 anni fa. Sono andato alla ricerca, per volontà di mio padre, di notizie su mio nonno, emigrato da giovane nelle Americhe e mai conosciuto. Scoprii che morì di vecchiaia e che aveva lasciato dei racconti sul Vecchio Magazzino Doganale, fino ad allora a me sconosciuto. Partendo da ciò, ho iniziato il mio percorso alla ricerca e allo studio delle botaniche del nostro fantastico territorio, la Calabria.

 

Qual è il primo nato del tuo portfolio?

Il primo nato della nostra gamma è stato Jefferson Amaro Importante. Al suo periodo, il Vecchio Magazzino Doganale era un negozio di spezie, botaniche, alcol e qualche liquore di contrabbando. Con l’arrivo dei naufragi fu Jefferson, il più intuitivo, che lasciò la vera e propria eredità chiamando un suo liquore, composto da una ricetta abbastanza banale (bergamotto, origano e rosmarino), Amaro Importante.

 

Quali elementi botanici ed erboristici Calabresi usi di più nei tuoi mix?

Le principali botaniche che utilizzo nelle nostre ricette sono gli agrumi, simbolo della nostra terra: Bergamotto, Cedro, Arance dolci e amare, Limoni IGP di Rocca Imperiale e Pompelmo. Ma anche botaniche accuratamente selezionate e tutt’oggi raccolte a mano, su tutte: Origano, Rosmarino, Lavanda e Ginepro.

 

Ami usare erbe e spezie da altre continenti per dar più complessità?

No. Principalmente preferisco valorizzare quello che il nostro territorio ci offre. Territorio inteso, non solo come Calabria che costituisce la terra di provenienza principale delle nostre botaniche, ma come tutta Italia.

 

Puoi descriverci brevemente ogni prodotto amaricante del tuo portfolio?

Certo. I nostri prodotti amaricanti sono:

Jefferson Amaro Importante – è un amaro mediterraneo, vigoroso con note agrumate e piacevole parte amaricante;

Jefferson Tintura Importante – non è altro che la tintura madre dell’amaro Jefferson, massima espressione della purezza (no zucchero);

Roger Tenere Sotto Banco – è il nostro bitter (espressione internazionale per definire l’amaro) deciso con sentori di arancia, genziana, rabarbaro e rosmarino, autentico sia nel colore sia nel filtraggio (potrebbe contenere residui);

Frack Amaro Serale no alla Moda – come da suo claim, posso rivelare poco, è il nostro amaro più complesso sia per quanto riguarda la composizione botanica sia per il blend finale caratterizzato da una parte vinosa da vendemmia tardiva e cottura del mosto. Un amaro fuori da ogni disciplinare che mi piace definire indisciplinato.

Tutti i nostri liquori sono prodotti per infusione separate delle botaniche, poiché le lavoriamo da fresco e nel loro periodo di raccolta, usando la termorefrigerazione.

 

Cosa pensi di questa nuova tendenza del beverage mondiale e come vedi collocati i tuoi prodotti nel mondo Bitter, più’ come digestivi o come ingredienti per un cocktail?

L’esperienza in questo settore, mi ha portato a creare questi prodotti, i quali, tutti con grande e piacevole sorpresa, hanno risposto alla grande su tutti i fronti. Riceviamo complimenti e conferme sia da appassionati che li degustano lisci e sia da esperti del settore. Nella miscelazione siamo i pionieri del bere “bitter”. Abbiamo sempre pensato che la strada più difficile ci poteva dare grandi soddisfazioni e così è stato. Il nostro Ricettario sta riscuotendo grandi successi.

 

Hai un cocktail in particolare che suggeriresti di preparare con i tuoi prodotti?

Mi sento di suggerire il nostro Negroni del Dottore. Una rivisitazione dello storico drink fatta dal nostro Brand Manager, Domenico Dragone, il quale conosce appieno le nostre alchimie.

La sua ricetta è:

1,5 cl Roger Tenere Sotto Banco

1,5 cl Jefferson Amaro Importante

3 cl Frack Amaro Serale no alla Moda

2 cl Gil The Authentic Rural Gin

1 cl Gil Rural Gin Torbato Italiano

Orange Slice

Stai andando molto bene e molto velocemente quali sono i tuoi prossimi obiettivi?

In primis è quello di rafforzare sempre più il concetto di amari e, in anteprima, portare alla luce una nuova alchimia che si chiamerà Madame Milù. Il resto succederà da se…

 

 

Matteo Zed

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *